Vaccini Informa

Caso pacemaker: Gdf negli uffici dell’Istituto Superiore della Sanità

Caso pacemaker: Gdf negli uffici dell’Istituto Superiore della Sanità

Ottobre 07
15:11 2014

Caso pacemaker dopo Report: Gdf negli uffici dell’Istituto Superiore della Sanità


Su Raitre immagini di un laboratorio in stato di abbandono: la struttura dell’Iss che dovrebbe certificare la conformità dei dispositivi da impiantare nel corpo umano. Nel settembre 2010 un ingegnere rinunciava all’incarico di migliorarne i controlli: “Il laboratorio non esiste”. La Procura di Roma apre un fascicolo, il ministro Lorenzin dispone un’indagine amministrativa urgente


ROMA – Report colpisce ancora. Perché, ancora una volta, si deduce l’incredibile da un servizio andato in onda la sera di domenica 5 ottobre: che in Italia il laboratorio dell’Istituto Superiore della Sanità tenuto a certificare la sicurezza dei dispositivi che vengono impiantati nel corpo umano, meccanismi salvavita come pacemaker e defibrillatori, praticamente non esiste. 


Nelle immagini trasmesse in esclusiva nell’inchiesta condotta da Sigfrido Ranucci, è stato mostrato un laboratorio in stato di abbandono con macchinari rotti, vecchi e inutilizzati. Mentre in un carteggio protocollato, finito tra le carte a supporto dell’inchiesta tv, è evidenziato come l’Istituto fosse a conoscenza della situazione sin dal settembre 2010. Quando un ingegnere incaricato di migliorare l’efficacia dei controlli sulla sicurezza dei pacemaker aveva comunicato la sua rinuncia all’incarico perché impossibilitato a svolgere le attività previste, “in quanto il laboratorio, a causa delle condizioni in cui è ridotto, di fatto – appunto – non esiste”.


La “notizia” obbliga la magistratura a intervenire. Ed ecco la Procura di Roma aprire un fascicolo sulla vicenda, per verificare se quanto raccontato da Report corrisponda a una gravissima realtà. Si indaga sull’ipotesi di reato di falso, per il momento a carico di ignoti, per i certificati di idoneità rilasciati dall’Iss per pacemaker dati per controllati quando questo non sarebbe avvenuto. 


Su mandato del pm Giorgio Orano, le indagini sono state delegate al nucleo della Polizia investigativa Tributaria della Guardia di Finanza, coordinato dal colonnello Cosimo di Gesù, lo stesso nominato da Raffaele Cantone a coordinare il personale della Gdf per il controllo sugli appalti di Expo 2015.



Gli sviluppi sono immediati e le prime anticipazioni su quanto riscontrato dai militari della Gdf arrivano proprio dalla redazione di Report. I finanzieri hanno perquisito gli uffici dell’Iss. In particolare, il famoso “laboratorio fantasma”, situato al piano B dell’edificio n.6, stanza 141. Successivamente si sono portati nell’edificio n.11, piano B, stanza 1. Dove, in un armadio, avrebbero dovuto trovare i certificati e i rapporti di conformità, che secondo la redazione di Report non ci sono. 


Nei cassetti – viene ancora riportato dalla redazione del programma – ci sono i documenti dei pacemaker arrivati a luglio, con le e-mail in cui il segretario chiede a chi debba darli. I militari stanno cercando anche i pacemaker inviati negli ultimi mesi dalle aziende e in attesa della dovuta certificazione di idoneità. I militari poi si sono recati dal responsabile del Tesa, l’ufficio che rilascia le certificazioni, Bartolini, raggiungendolo nell’edificio 1, piano C, stanza 27.


Accanto all’accertamento avviato dalla magistratura romana, va registrata anche l’indagine amministrativa urgente disposta dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin per determinare l’effettivo svolgimento dei fatti, il rispetto delle procedure di legge ed eventuali responsabilità, in merito al caso del laboratorio “fantasma”. Il ministro ha chiesto al Commissario straordinario dell’Iss, Gualtiero Ricciardi, “di effettuare un audit interno urgente, di riferirne gli esiti al Ministero vigilante e di assumere senza indugio ogni iniziativa, anche di tipo giurisdizionale, per garantire il buon andamento dell’azione dell’Istituto”.


Lorenzin, ricorda una nota del ministero, lo scorso 10 luglio ha commissariato l’Istituto Superiore della Sanità per decreto, con azzeramento del consiglio di amministrazione e del comitato scientifico. “All’esito degli accertamenti compiuti dal Commissario straordinario dell’ISS – conclude la nota – il Ministro della Salute assumerà a sua volta ogni iniziativa necessaria per garantire il rituale svolgimento delle funzioni”.


Al ministro Lorenzin è indirizzata un’interrogazione parlamentare di Sel. “E’ assolutamente incredibile e grave – ha dichiarato il capogruppo a Montecitorio Arturo Scotto – che il nostro Istituto Superiore di Sanità, già commissariato per gravi problemi finanziari, certifichi che pacemaker, neurostimolatori o defibrillatori siano sicuri, che siano resistenti agli urti o non condizionabili dai campi elettromagnetici senza aver fatto i test prescritti dalla legge. Test che non può fare visto lo stato di degrado e abbandono in cui versano i suoi laboratori, come documentato ieri dalla trasmissione Report“. 


Il Codacons ha inviato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma, chiedendo che “la magistratura faccia chiarezza” e indaghi anche su “omissione in atti di ufficio, lesioni gravissime, frode in commercio, produzione e vendita di prodotti pericolosi, attentato alla vita e alla salute, violazione dell’articolo 32 della Costituzione e omesso controllo e vigilanza”. L’associazione dei consumatori ha anche chiesto alla Procura di sequestrare il filmato di Report.



Il commissario straordinario dell’ISS Ricciardi, a sua volta, ha sottolineato come fosse stata “già autonomamente disposta, non appena a conoscenza della problematica, specifica indagine interna affidata alla Direzione generale dell’Istituto. L’indagine è mirata a verificare la legittimità delle procedure in essere ed accertare eventuali responsabilità, a tutela dei cittadini e dell’Istituto. L’Iss si impegnerà a riferire gli esiti di tale indagine al Ministro stesso nel più breve tempo possibile”.


 

 

fonte


 

http://www.repubblica.it/salute/2014/10/06/news/caso_pacemaker_dopo_report_indagine_urgente_su_iss-97488071/


 

 

 

 

 

Share Button

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Only registered users can comment.

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget