Vaccini Informa

Un confronto sugli andamenti temporali della prevalenza di autismo

Un confronto sugli andamenti temporali della prevalenza di autismo

Settembre 10
23:53 2014

Un confronto sugli andamenti temporali della prevalenza di autismo,e dei presunti fattori ambientali negli Stati Uniti


I casi di autismo diagnosticato, sono aumentati rapidamente negli ultimi decenni tra i bambini americani. Anche i  fattori ambientali sono ritenuti responsabili di questo aumento, e una lista dei primi dieci sospetti delle tossine ambientali è stata pubblicata di recente.


tossine ambientali


Le tendenze e i dati temporali dell’autismo degli anni di nascita 1970-2005 ,derivano ​​da una combinazione di dati dal California Department of Developmental Services (CDDS) e da “Individui con disabilità Education Act” ( IDEA) sempre degli Stati Uniti .  


  • (potete trovare info su questo organi cliccando il link seguente)


Le tendenze temporali delle tossine sospette, sono state ricavate dai dati raccolti nel corso di una vasta indagine della letteratura. Tendenze tossine e autismo sono state confrontate mediante l’ispezione visiva , calcolando  i coefficienti di correlazione .


L’utilizzo di dati IDEA, sulla prevalenza dell’autismo contro le tendenze dell’anno di nascita,        furono calcolate indipendentemente dalle  istantanee  di dati dal più recente rapporto annuale e rintracciando la prevalenza in età costante in molti anni di rapporti.


Il rapporto fra le pendici di tendenza istantanea:

Fu usata la registrazione  per valutare la frazione “reale” dell’aumento di autismo.          


AUTISMO


Risultati


I set di dati CDD e IDEA sono qualitativamente consistenti nel suggerire un forte aumento della prevalenza di autismo negli ultimi decenni. 


 La comparazione quantitativa dei dati IDEA attraverso l’istantanea e il rilevamento delle piste di tendenza costante-età suggerisce che  il 75-80% dell’aumento monitorato in autismo dal 1988 è dovuto ad un aumento effettivo nel disordine piuttosto che  al cambiamento di criteri diagnostici.


tossine facce


La maggior parte delle tossine ambientali sospette esaminate, hanno andamenti temporali piatti o decrescenti che scarsamente si correlano all’aumento nell’autismo. Alcuni, tra cui piombo, pesticidi organoclorurati ed emissioni veicolari, hanno tendenze fortemente decrescenti. Tra le tossine sospette prese in considerazione,abbiamo eteri di difenile polibromurati, coadiuvanti di alluminio e glifosato, i quali hanno tendenze crescenti correlandosi positivamente con l’aumento di autismo.


Conclusioni


La prevalenza di autismo diagnosticata, è aumentato drammaticamente negli Stati Uniti nel corso degli ultimi decenni e ha continuato a  crescere e ad aumentare ancora di più dal 2005.


L’incremento si è verificato soprattutto dalla fine degli anni 1980. Al contrario, l’esposizione dei bambini alla maggior parte dei primi dieci composti tossici è rimasta piatta o diminuita su questo stesso lasso di tempo. I fattori ambientali assieme  all’aumento delle tendenze temporali, suggeriscono ulteriori indagini in correlazione all’insorgenza di questa patologia che è via via crescente.


FONTE DELL’ARTICOLO DI SEGUITO


http://www.ehjournal.net/content/13/1/73/abstract




I Coadiuvanti presenti nei vaccini,come l’ alluminio contribuiscono alla crescente prevalenza dell’autismo?


alluminio tavola


I Disturbi dello spettro autistico (ASD) sono gravi e  multisistemici  disturbi dello sviluppo, e di un urgente globale preoccupazione per la salute pubblica.


L’Immunità disfunzionale e funzione cerebrale alterata sono carenze fondamentali in ASD.


L’alluminio (Al), il più comune coadiuvante usato nei vaccini, è una neurotossina dimostrata essere un forte stimolatore immunitario. Quindi, il coadiuvante Al, ha il potenziale di indurre disturbi neuroimmuni.


Nel valutare la tossicità coadiuvante nei bambini, due punti chiave dovrebbe essere considerati:


  • (i) i bambini non dovrebbero essere visti come dei “piccoli adulti”poichè la loro fisiologia li rende molto più vulnerabile all’esposizione di qualsiasi tossicità;

  •  (ii) se l’esposizione di Al da pochi vaccini può portare alla compromissione cognitiva e all’autoimmunità negli adulti, è ragionevole chiedersi se i programmi pediatrici attuali, spesso contenenti 18 Al nei vaccini , siano sicuri per i bambini? Applicando i criteri di Hill per stabilire la causalità tra l’esposizione e l’esito, abbiamo studiato se l’esposizione di Al da vaccini potrebbe contribuire all’aumento della prevalenza ASD nel mondo occidentale.

 I nostri risultati mostrano che:


  • (i) i bambini provenienti da paesi con la più alta prevalenza di ASD sembrano avere la maggiore esposizione di Al da vaccini ; 

  • (Ii) l’aumento dell’esposizione dei coadiuvanti Al , si correla significativamente con l’aumento della ASD ,in prevalenza negli Stati Uniti nel corso degli ultimi due decenni (Pearson r = 0.92, p <0,0001);

  • (iii) esiste una correlazione significativa tra gli importi di Al somministrati a bambini in età prescolare e l’attuale prevalenza di ASD in sette paesi occidentali, in particolare a 3-4 mesi di età (Pearson r = 0,89-0,94, p = 0,0018-0,0248) .

fonte dell’articolo di seguito


http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Tomljenovic+L%2C+Shaw+CA%3A+Do+aluminum+vaccine+adjuvants+contribute+to+the+risinghttp://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Tomljenovic+L%2C+Shaw+CA%3A+Do+aluminum+vaccine+adjuvants+contribute+to+the+rising


Share Button

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Only registered users can comment.

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget