Vaccini Informa

VACCINAZIONI E VIAGGI

VACCINAZIONI E VIAGGI

Giugno 27
12:13 2014

Qual è la profilassi per le vaccinazioni in caso di viaggi all’estero??

Ecco qui una serie di articoli che vi spiegheranno il da farsi..nazione per nazione tutte le vaccinazioni consigliate .. 

BUONA LETTURA

Da quello che emerge di seguito, ci  sono vaccinazioni raccomandate e non obbligatorie

 

Paese Febbre Gialla Malaria Profilassi raccomandata
Vanuatu vaccinazione non raccomandata dall’ OMS – Nessun obbligo di vaccinazione per i viaggiatori internazionali. Il rischio di trasmissione della Malaria è basso/moderato ed è causato principalmente da ceppi di P. falciparum esiste tutto l’anno in tutto il Paese.E’ segnalata resistenza di P. falciparum alla clorochina e sulfadossina-pirimetamina.E’ riportata una resistenza del P. vivax alla clorochina. Protezione contro la puntura di insetti + chemioprofilassi con:
1. Meflochina
2. Doxiciclina
3. Atovaquone + proguanil
(in base al tipo di farmaco-resistenza)
Venezuela vaccinazione raccomandata dall’ OMS – Nessuna richiesta di vaccinazione per i viaggiatori.
La vaccinazione è raccomandata per tutti i viaggiatori di età superiore ai 9 mesi o più, tranne per quelli menzionati di seguito.
La vaccinazione non è generalmente raccomandata (1) per i viaggiatori i cui itinerari sono limitati alle seguenti aree: l’intero stato di Aragua, Carabobo, Miranda, Vargas e Yaracuy e Distretto Federale.
La vaccinazione non è raccomandata per i viaggiatori i cui itinerari sono limitati alle seguenti aree:  gli interi stati di Falcon e Lara, l’area peninsulare del comune di Paez della provincia di Zuila, l’Isola di Margarita e le città di Caracas e Valencia.(1) La vaccinazione è generalmente non raccomandata nelle aree dove il potenziale di trasmissione della febbre gialla è basso. Tuttavia, la vaccinazione dovrebbe essere presa in considerazione per un esiguo gruppo di coloro che viaggiano in queste aree, i quali hanno un rischio aumentato di esposizione al virus (es: viaggi prolungati, esposizione prolungata alle zanzare, impossibilità di evitare le punture di zanzara). Nel momento in cui prende in considerazione la vaccinazione, ogni viaggiatore deve tener conto del rischio di essere infettato dal virus della febbre gialla, dei requisiti per l’ammissione nel Paese, così come dei fattori di rischio individuali (es: età, stato immunitario) per quanto riguarda gravi eventi avversi associati al vaccino.
Il rischio di trasmissione della Malaria, dovuto a P. vivax ( 75%);P. falciparum (25%), è basso/moderato ed esiste tutto l’anno in alcune zone rurali di Amazonas, Bolivar e negli stati del Delta Amacuro. il rischio è basso in Apure, Monagas, Sucre e Zuila. Il rischio di Malaria, trasmessa da P. falciparum, è principalmente ristretto alle regioni (giungla ed aree rurali) degli Stati di: Amazonas (Alto Orinoco, Atabapo, Atures, Autana, Manapiare) e Bolìvar (Cedeno, El Callao, Gran Sabana, Piar, Raul Leoni, Rocio, Sifontes e Sucre). E’ segnalata resistenza di P. falciparum alla clorochina e sulfadossina-pirimetamina. Aree a rischio di P. vivax:Protezione contro la puntura di insetti + chemioprofilassi con clorochina

Aree a rischio di P. falciparum:

Protezione contro la puntura di insetti + chemioprofilassi con:
1. Meflochina
2. Doxiciclina
3. Atovaquone + proguanil
(in base al tipo di farmaco-resistenza)

Vietnam vaccinazione non raccomandata dall’OMS – Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è richiesto ai viaggiatori di età superiore ad un anno provenienti da zone a rischio di trasmissione febbre gialla. Il rischio di Malaria, dovuto principalmente a ceppi di P. falciparum , è presente durante tutto l’anno e in tutto il paese con esclusione dei centri urbani, il delta del fiume Rosso e le aree costiere pianeggianti del centro-Vietnam. Aree ad alto rischio sono le regioni sotto i 1500 mt. a sud del 18′ parallelo, soprattutto le quattro regioni montane centrali delle province di: Dak Lak, Gia Lai e Kon Tum, Dak Nong, provincia di Binh Phuoc e le parti occidentali delle province costiere di Quang Tri, Quang Nam, Ninh Thuan e Khanh Hoa. E’ segnalata resistenza alla clorochina e sulfadossina-pirimetamina e alla meflochina Protezione contro la puntura di insetti + chemioprofilassi con:
1. Meflochina
2. Doxiciclina
3. Atovaquone + proguanil
(in base al tipo di farmaco-resistenza)

Y

Paese Febbre Gialla Malaria Profilassi raccomandata
Yemen vaccinazione non raccomandata dall’ OMS – Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è richiesto ai viaggiatori di età superiore ad un anno provenienti da aree con rischio di trasmissione febbre gialla. La Malaria è trasmessa prevalentementemda ceppi di P. falciparum, tutto l’anno, ma soprattutto tra settembre e febbraio incluso, in tutto il Paese al di sotto dei 2000 mt. Non vi sono rischi nella città di Sanà. Il rischio di malaria sull’isola di Socotra è molto limitato. E’ segnalata resistenza di P. falciparum alla clorochina e sulfadossina-pirimetamina. Protezione contro la puntura di insetti + chemioprofilassi con:
1. Meflochina
2. Doxiciclina
3. Atovaquone + proguanil
(in base al tipo di farmaco-resistenza)Nell’isola di Socotra:

Protezione contro la puntura di insettiYugoslavia (ex)Nessun obbligo Nessuna

Z

Paese Febbre Gialla Malaria Profilassi raccomandata
Zambia vaccinazione generalmente non raccomandata dall’ OMS – Nessun obbligo di vaccinazione per i viaggiatori internazionali.
La vaccinazione non è generalmente raccomandata (1) per i viaggiatori che si recano nelle seguenti aree:  tutte le province del nord-ovest e dell’ovest.
La vaccinazione non è raccomandata in tutte le altre aree non sopra menzionate.

 

(1) La vaccinazione è generalmente non raccomandata nelle aree dove il potenziale di trasmissione della febbre gialla è basso. Tuttavia, la vaccinazione dovrebbe essere presa in considerazione per un esiguo gruppo di coloro che viaggiano in queste aree, i quali hanno un rischio aumentato di esposizione al virus (es: viaggi prolungati, esposizione prolungata alle zanzare, impossibilità di evitare le punture di zanzara).

Nel momento in cui prende in considerazione la vaccinazione, ogni viaggiatore deve tener conto del rischio di essere infettato dal virus della febbre gialla, dei requisiti per l’ammissione nel Paese, così come dei fattori di rischio individuali (es: età, stato immunitario) per quanto riguarda gravi eventi avversi associati al vaccino.Il rischio di Malaria, prevalentemente da P. falciparum, è presente in tutto il Paese (inclusa Lusaka) durante tutto l’anno. E’ segnalata resistenza di P. falciparum alla clorochina e sulfadossina-pirimetamina.Protezione contro la puntura di insetti + chemioprofilassi con:
1. Meflochina
2. Doxiciclina
3. Atovaquone + proguanil
(in base al tipo di farmaco-resistenza)Zimbabwevaccinazione non raccomandata dall’ OMS – Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è richiesto ai viaggiatori provenienti da zone a rischio di trasmissione febbre gialla.Il rischio di Malaria, dovuto prevalentemente a ceppi di P. falciparum, è presente da novembre a giugno incluso, nelle aree al di sotto dei 1200 mt. Fa eccezione la Valle dello Zambezi in cui la malaria è presente in tutto l’anno. Ad Harare e Bulawayo il rischio è trascurabile. E’ segnalata resistenza di P. falciparum alla clorochina e sulfadossina-pirimetamina.Protezione contro la puntura di insetti + chemioprofilassi con:
1. Meflochina
2. Doxiciclina
3. Atovaquone + proguanil
(in base al tipo di farmaco-resistenza)

http://www.torrinomedica.it/studio/profilassi/uvyz.asp#ixzz35phhlpVW

 

Bisogna vaccinare un bambino quando ci si reca all’estero?

bambini vaccini

Molte persone si chiedono cosa fare quando devo andare all’estero per un periodo più o meno lungo con bambini non vaccinati. Come comportarsi in una tale situazione? Ecco ad esempio un’email ricevuta in questi giorni:

Buonasera dr Gava,
negli ultimi due anni ho letto con interesse alcuni suoi libri e articoli a proposito dei vaccini e proprio stasera uno sull’uso del paracetamolo nei neonati. La contatto perché vorrei avere la sua opinione.
Sono la madre di una bimba di 19 mesi NON VACCINATA e ora sono incinta all’ottava settimana. In Italia mi sento molto tranquilla e sono riuscita a tenere a bada l’ansia dei nonni e del padre. Tra circa un mese, a causa del lavoro di mio marito, ci trasferiremo negli Emirati Arabi, luogo molto occidentalizzato ma anche pieno di immigrazione dal subcontinente indiano. Tra i rischi salute ci sono epatiti, difterite, vaiolo, ecc. … compare addirittura la peste. Le condizioni igieniche sono ottime nei grandi alberghi e centri commerciali, ma nei parchi e per strada la cosa che mi ha fatto più impressione è che tutti sputano ….
Noi, vivendo là, frequenteremo i luoghi pubblici e quindi usciremo dal circuito occidentale.
Vorrei sapere se secondo lei in questo caso devo valutare la possibilità di vaccinare per alcune cose mia figlia (non per malattie esantematiche, ovviamente) e il nascituro/a.
Avendo lavorato con disabili per molti anni sono molto combattuta, ma mio marito e i nonni stanno facendo fronte comune e comincio ad essere a corto di argomenti.
La ringrazio …. S.

Premetto che non è facile rispondere a questi quesiti per email senza conoscere e senza poter visitare il bambino in oggetto e questo non solo perché è palesemente ovvio che un consiglio medico vada dato solo dopo aver visitato il paziente e capito veramente qual è il suo problema, ma anche perché la decisione se vaccinare o meno un bambino deve essere valutata veramente alla luce delle sue condizioni psico-fisiche, oltre che ambientali, e alla sua precedente storia biopatografica.

 

Pertanto, quello che consiglio lo riassumerei nei punti seguenti:

1 – Se è possibile, cercare un medico senza preconcetti sulle vaccinazioni e dotato di molta esperienza anche sulla gestione dei danni vaccinali e di moltissimo buon senso (oggi sempre più raro) e fargli visitare il bambino prima della partenza per l’estero.

2 – Se questo non è possibile (ed effettivamente non è una cosa sempre fattibile), direi di andare con estrema tranquillità nel Paese estero e di attendere qualche mese sia affinché il bambino si ambienti (ogni cambio di ambiente è uno stress per il sistema immunitario di una persona e questo è particolarmente vero per un bambino piccolo con sistema immunitario particolarmente immaturo) e per avere modo di capire quali sono i reali rischi effettivi e non solo i rischi teorici, che possono essere diffusi degli organi sanitari che, per motivi medico-legali e di immagine, tendono sempre a mettere le mani davanti e far prendere precauzioni eccessive per non correre il rischio di essere criticati.

3 – Nel caso ci siano vaccinazioni obbligatorie (come il vaccino contro la febbre gialla per alcuni Paesi), eseguirle alcuni mesi prima di partire e comunque non prima di aver adeguatamente preparato l’organismo del bambino con una terapia omeopatica personalizzata che permette di ridurre al minimo i danni vaccinali.

3 – Considerare che OGGI il pericolo più frequente non lo si corre nel non vaccinare ma nel vaccinare e questo è tanto più vero quanto più il bambino è piccolo, immunologicamente più debole anche della sua età e quanto più numeroso è il numero dei vaccini inoculati insieme. Diverso sarebbe il discorso se i vaccini venissero eseguiti singolarmente e scegliendo di volta in volta quello più importante in base alle necessità concrete del bambino e alle sue condizioni. In particolare, bisogna valutare: anamnesi familiare di patologie allergiche o autoimmunitarie o di debolezze immunitarie; storia del bambino durante la gravidanza e dopo la nascita; caratteristiche fisiche; predisposizioni patologiche e condizioni immunitarie; alimentazione e condizioni generali di igiene di vita; situazione ambientale in cui vive, ecc. (dato che questi dati non si possono valutare correttamente né per email né per telefono, è palese che serve un’adeguata visita medica).

4 – Se non ci sono situazioni di emergenza (credo siano evenienze eccezionali), attendere che il bambino cresca e che abbia almeno 2-3 anni prima di considerare l’evenienza di una ipotetica vaccinazione.

5 – La sola vaccinazione che si può considerare con un occhio mezzo benevolo è l’antitetanica, ma anche in questo caso io direi che è meglio prima farsi bene un’idea di cos’è OGGI il tetano e di quello che si può fare prima di vaccinare. Per tali motivi consiglio prima la lettura di un libretto che ho scritto proprio perché si acquisisca un’adeguata consapevolezza su questo vaccino quando si inizia a porsi il problema se somministrarlo o meno (se è vero che le ASL chiedono la firma di quello che loro chiamano “Consenso Informato”, credo sia bene che ognuno di noi sia veramente INFORMATO).

6 – In ogni caso, se serve realmente vaccinare, somministrare un solo vaccino e passare ad uno successivo solo dopo aver concluso il ciclo del primo (ma, se devo essere sincero, non ho idea di quale possa essere il secondo vaccino indicato dopo quello antitetanico, dato che anche quest’ultimo per me va usato solo in casi molto selezionati: non dimentichiamo che i bambini non sono a rischio di tetano, diversamente degli adulti o, meglio ancora, degli anziani).
7 – Non dimenticare mai che i vaccini sono farmaci veri e propri e che nessun farmaco va somministrato a caso e senza un’adeguata valutazione del rapporto rischio-beneficio per quel singolo soggetto che lo deve ricevere. Chi si lascia condizionare dall’ansia, dalla paura, da quello che fanno gli altri, da quello che si faceva una volta (quando si pensava che i vaccini facessero solo bene!), da quello che dicono gli altri (specie i nonni, che hanno ancora “nel sangue” il concetto che i vaccini sono essenziali e che sono la più innocua e potente arma protettiva), da quello che di solito dicono i medici vaccinatori … oggi corre il serio rischio di incappare in qualche problema.

Bisogna sempre informarsi per diventare consapevoli; bisogna sempre ragionare e non agire d’impulso, non demandare mai ad ignoti la gestione della salute dei propri figli, cercare un medico di fiducia dotato di tanta conoscenza e di una quantità ancora maggiore di buon senso e, se lo si è trovato, tenerselo molto stretto perché credo che, OGGI, valga ben più dell’oro.

 

 

http://www.informasalus.it/it/articoli/vaccinare-bambino-estero.php?pn=172

 

 

 

 

 

Share Button

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Only registered users can comment.

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget