Vaccini Informa

Colpa dei focolai ai non vaccinati, Polemica e studi scientifici a confronto

Colpa dei focolai ai non vaccinati, Polemica e studi scientifici a confronto

Giugno 09
01:24 2014

CONTINUA LA POLEMICA DEI FOCOLAI DI MORBILLO E PERTOSSE  COLPEVOLIZZANDO I  BAMBINI NON VACCINATI,UNA LOTTA FRA EVIDENZA SCIENTIFICA E POLEMICA

VACCINIRITIRATI

  • Focolai di morbillo tra le comunità vaccinate (fonte novembre 2015 a fine articolo)

I soggetti non vaccinati vengono erroneamente incolpati dei nuovi focolai di pertosse e di morbillo che sono causati dall’inefficacia dei vaccini.

Quasi ogni volta che un focolaio di una malattia si verifica negli Stati Uniti esiste un vaccino, se le persone rifiutano i vaccini sono accusate automaticamente di aver causato i focolai. Purtroppo, questa colpa si basa sulla fede nella dottrina del vaccino, rispetto ai dati ed alla scienza. La maggior parte dei produttori di vaccini del mondo investono in pubblicità sui media mainstream. Pertanto, mettere in discussione l’efficacia dei vaccini è spesso coperto dai media statunitensi.

La prima relazione giunge dall’Europa, dove un nuovo vaccino contro la pertosse è in fase di sviluppo .  QUI DI SEGUITO

Dall’articolo :

“Perché testare un nuovo vaccino contro la pertosse, quando già esiste un vaccino?” L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha notato un aumento globale nei casi di pertosse. Questa malattia rappresenta oggi per 20 a 40 milioni di casi e circa 200.000vittime all’anno in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, il più alto numero di casi in 60 anni è stato registrato nel 2012 con più di 48.000 casi. Vi è una tendenza simile nel Regno Unito, Paesi Bassi, Germania, Giappone e Australia … Questo aumento è attribuito ad una limitata efficacia a lungo termine del vaccino destinato all’infanzia.
Quali sono i vantaggi del nuovo vaccino nasale?
I batteri della pertosse utilizzati per rendere questo vaccino attenuato. Quando viene inalato, esso colonizza il tratto respiratorio superiore, nello stesso modo che i batteri naturali farebbero, e innesca una risposta immunitaria locale. Questo approccio è specificamente progettato per i neonati. Infatti, il loro sistema immunitario non è abbastanza maturo per rispondere efficacemente alla vaccinazione tradizionale.
Quali sono i risultati del primo trial clinico?
Abbiamo testato il vaccino su un gruppo adulto di 48 persone alla fine del 2010. Abbiamo dimostrato che il nostro vaccino non ha effetti collaterali evidenti. Inoltre, abbiamo stimato il dosaggio da utilizzare per i batteri di colonizzare il tratto respiratorio e indurre una risposta immunitaria.

 

Qual è il prossimo passo?
Le fasi successive consisteranno nel trovare una nuova formulazione del vaccino per renderlo più stabile. Infatti, è conservato a -80° C, ma dovrebbe infine essere conservato a temperatura ambiente.
Inoltre, dobbiamo mettere a punto la giusta dose da inalare. Tutte queste misure saranno realizzate in collaborazione con l’industria farmaceutica. A tal proposito, il Lille Pasteur Institute e l’area tecnologica dell’Istituto nazionale francese della sanità e della ricerca medica, Inserm Transfert, hanno firmato la collaborazione scientifica e contratti di licenza in tutto il mondo con una società di biotecnologia statunitense, denominata biotecnologie Iliade, e con sede a Wilmington, Delaware.

Quando è probabile che questo vaccino sia disponibile sul mercato?

Non prima di dieci anni, nella migliore delle ipotesi! Infatti, ci saranno diversi passaggi prima di poter testare il vaccino sui bambini. Ci saranno nuovi studi clinici con la versione stabilizzata del vaccino, che dovrebbe essere testato prima su adulti e, eventualmente, sugli adolescenti. Attualmente siamo in trattative con le agenzie sanitarie nazionali in tutto il mondo per istituire tali prove.

Quindi l’attuale vaccino contro la pertosse non funziona, ormai è noto nella maggior parte del mondo. Quando i focolai di pertosse si verificano negli Stati Uniti, la popolazione non vaccinata è sempre accusata. Il fatto che i focolai che si verificano tra coloro che hanno ricevuto il vaccino non viene riferito, nonostante molti studi lo hanno dimostrato ed un recente studio della FDA.

(http://healthimpactnews.com/2013/fda-pertussis-vaccine-study-shatters-illusion-of-vaccine-induced-immunity/)

 

Diamo uno sguardo alle epidemie di morbillo ed il vaccino contro il morbillo.

http://www.canberratimes.com.au/act-news/act-measles-case-reveals-small-flaw-in-vaccination-system-20140118-3120e.html

Mentre l’Australia è uno dei 10 paesi dichiarato free-morbillo, il caso confermato di virus nell’ACT nel mese di dicembre ha evidenziato una piccola debolezza nel programma di vaccinazione contro il morbillo della nazione. I soggetti di età compresa tra i 20 ei 40 anni sono i più predisposti a contrarre il morbillo, tra i vaccinati australiani.

L’ultimo caso ha riguardato un soggetto vaccinato, una donna trentenne che è stata esposta al virus tramite un turista proveniente da Sydney.
Dopo aver perso l’immunità naturale attraverso l’esposizione al virus, gli adulti più giovani hanno probabilmente ricevuto una sola dose di vaccino, che attualmente è normalmente somministrato due volte (è possibile ascoltare Dr. Tenpenny alla chat nel video qui sotto).

Un motivo per cui probabilmente non si è mai discusso, è una conclusione logica, ovvero che la maggior parte di queste malattie sarebbe stata probabilmente già eliminata se avessimo lasciato che l’immunità naturale avesse fatto il suo corso. Come si può vedere dal grafico, la convinzione che il morbillo era stato quasi eliminato dal vaccino non è rappresentata dai dati. Un’eccellente articolo del vaccino contro il morbillo e la sua (in) efficacia, con riferimenti a studi di  Viera Scheibner dal Dr. (PhD).

 

AGGIORNAMENTO SUI FOCOLAI
Pechino : focolaio di morbillo in una scuola media con un’alta copertura vaccinale
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26589518/
Share Button

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Only registered users can comment.

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget