Vaccini Informa

EPIDEMIE DI MORBILLO TRA LA POPOLAZIONE VACCINATA

EPIDEMIE DI MORBILLO TRA LA POPOLAZIONE VACCINATA

Giugno 01
10:29 2014

morbillo morte

Le recenti epidemie di morbillo in Canada e negli Stati Uniti hanno sbalordito molti esperti di salute pubblica, lo ha ammesso anche il Dr. Gregory Poland, uno dei più ammirati, pensatori più avanzati del mondo nel campo della vaccinologia.
Il Dr. Polland non è ha avuto mai conflitti di interessi con i produttori di vaccini.

Non solo è tra i critici più severi e più espliciti della “irrazionalità degli antivaccinisti”, egli è anche uno dei sostenitori più forti dei vaccini, è Professore di Medicina e fondatore e leader del Vaccine Group Mayo Clinic Research, una delle più grandi organizzazioni di ricerca al mondo; ha pubblicato articoli per la rivista scientifica Editor-in-chief peer-reviewed, Vaccino; ha ricevuto numerosi premi; è presidente dei comitati di monitoraggio dei dati inerenti i vaccini per il gigante farmaceutico Merck;

è titolare di brevetti in vari processi dei vaccini; gode di uno status speciale dei dipendenti con i Centers for Disease Control e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ed ha fatto parte di ogni comitato federale riguardante i vaccini, nessuno può accusarlo di osservare i vaccini da una prospettiva ristretta.

Eppure il Dr. Poland vede la necessità di un profondo ripensamento, dopo aver concluso che il vaccino contro il morbillo attualmente in uso è spesso inefficace: “focolai di morbillo si stanno verificando anche nei paesi altamente sviluppati, dove tutti possono accedere alla vaccinazione. Questo risultato è inaspettato e preoccupante – i focolai di morbillo si stanno verificando inaspettatamente “, ha scritto nel suo articolo 2012, che elenca i “numeri sorprendenti di casi che si verificano in persone che in precedenza hanno ricevuto uno o anche due dosi documentate del vaccino per il morbillo.

“Durante gli anni 1989-1991 sono stati riscontrati focolai negli Stati Uniti, il 20% al 40% delle persone colpite aveva ricevuto 1-2 dosi. Nel 2011 si è verificata un’epidemia in Canada, “oltre il 50% delle 98 persone aveva ricevuto due dosi di vaccino contro il morbillo.”

Il Dr. Poland ha notato 15 focolai negli Stati Uniti tra il 2005 e il 2011 e 33 in Europa solo nel 2011, coinvolgendo più di 30.000 casi noti. Nel frattempo, il “morbillo è stato dichiarato ancora endemico nel Regno Unito molti rifiutano la vaccinazioni…. ma tali epidemie rappresentano il fallimento del vaccino.”

Il problema fondamentale deriva dal fatto che il vaccino sia attualmente meno efficace di quanto previsto, con un tasso di fallimento troppo alto – tra il 2% e il 10%, i soggetti vaccinati non sviluppano gli anticorpi previsti, dopo aver ricevuto due dosi di vaccino. Dato che le persone sono diverse geneticamente, il vaccino è semplicemente un vero disastro per molti, non riuscendo a fornire la protezione che pensano di aver acquisito.

A peggiorare le cose, anche quando il vaccino è efficace, la protezione diminuisce rapidamente, il che rende irrealistico raggiungere il livello del 95% di immunità nella popolazione generale, ritenuto necessario per tutelare la salute pubblica. Ad esempio, il 9% dei bambini che hanno due dosi di vaccino, come raccomandato dalle autorità sanitarie, persderanno la loro immunità dopo solo sette anni e mezzo. Più passa il tempo e più perdono la loro immunità. Il Dott. Poland ha dichiarato: “Questo rappresenta una situazione paradossale perchè il morbillo si verifica soprattutto tra i soggetti precedentemente immunizzati”.

L’inadeguatezza del vaccino contro il morbillo non finisce qui: “il vaccino non può essere somministrato ai soggetti immunocompromessi, che hanno allergie ai componenti del vaccino, o che sono in gravidanza e che rappresentano un grande segmento della popolazione suscettibile e non protetta dal morbillo. Pertanto i casi continueranno a verificarsi.”

Questa tecnologia di vaccini di nuova generazione, per cui il suo gruppo Mayo Clinic è pioniere, sposa la vaccinologia con la genomica per creare vaccini personalizzati. Attraverso questa nuova disciplina medica di “vaccinomics“, termine da lui doppiato, la scienza medica avrà non solo i mezzi per raggiungere finalmente il sogno pluridecennale dell’eradicazione del morbillo e di altre malattie.

QUI L’ARTICOLO:
http://business.financialpost.com/2014/05/01/lawrence-solomon-vaccines-cant-prevent-measles-outbreaks/

NOTE PERSONALI  

DOMENICO D AMBROSIO

Epidemie di morbillo concentrate nei vaccinati: Gli studi mostrano che il vaccino è inefficace

Share Button

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Only registered users can comment.

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget